Consigli per la stampa digitale grande formato



ISTRUZIONI FONDAMENTALI PER LA PREPARAZIONE DI UN DOCUMENTO DA STAMPARE CON IL PLOTTER PIEZOELETTRICO “XEROX-XPRESS 36”

Uno: possibilmente documenti max cm 91,40 x 3000

I documenti, elaborati con qualsiasi programma di grafica e salvati preferibilmente in PDF, EPS, TIFF, TIF, JPG non devono superare la misura che corrisponde alla luce massima del plotter. Questa misura, 91,4 cm, può essere superata solo se si stampa a porzioni (per esempio per il manifesto 3 metri x 6).

Due: i files da stampare vanno spediti via internet o consegnati su pendrive o su CD/DVD.

Tre: allegare le immagini

Essere certi che nei floppy o nei datapack siano presenti tutti gli elementi (es. immagini tiff, eps, etc. indifferentemente in RGB o trasformati in modalità CMYK) che sono stati importati nel documento da stampare. Per sicurezza conviene effettuare una stampa laser del documento direttamente dal dispositivo con il quale si porterà il documento da stampare (Floppy, Data pack da 44 MB, ZIP 100 MB, Jazz da 1 GB, CD Rom).

Quattro: allegare le font

Redigere un elenco delle font utilizzate, sia nel documento da stampare che negli elementi che sono stati importati nello stesso. Allegare quindi le font necessarie alla stampa; laddove il programma lo consente, trasformare le font in tracciati oppure esportare con le font inserite.

Cinque: EPS con immagini inserite

Evitare di inserire immagini in un programma vettoriale (es. Illustrator o FreeHand), se inevitabile, assicurarsi che i collegamenti OPI relativi restino identici nel momento della creazione dell’EPS al momento in cui si consegneranno i files al Service.

Sei: colori Pantone

Quando si usano i colori Pantone è probabile che la corrispondenza degli stessi non sia la stessa prevista sul monitor del computer o indicata sulla “mazzetta Pantone”, evitare quindi di pretendere una stampa con rispondenza perfetta, semmai preparare un piccolo file di prova con il quale aiutarsi per calibrare i colori in fase di stampa.

Sette: scelta del supporto di stampa (gli inchiostri sono anti UV ed idrorepellenti)

A seconda dell’utilizzazione che si dovrà fare della stampa è necessario stabilire il tipo di supporto da usare in una vasta gamma di scelte :

Idrorepellente 90 gr/mq (consigliata per le affissioni esterne murali o su pannelli);

Presentation della Xerox 360 o 720 da 125 gr/mq consigliata per presentazioni di qualità fotografica;

Carta fotografica per riprodurre gigantografie;

Vinile 390 gr/mq per la stampa di striscioni e vinile calandrato 320 gr/mq adesivo per furgoni;

Film retroilluminato per cassonetti 180 gr/mq stampato sul retro e visibile da entrambi i lati;

Tessuto in poliestere per bandiere monofacciali per mostre 173 gr/mq;

Tela tipo quadro ad olio per la riproduzione di opere d’arte e per arredamento 232 gr/mq.

Per esigenze particolari si possono usare altri materiali come i calpestabili ed eseguire la plastificazione delle stampe o l’accoppiamento su pannelli, in questi casi avvertire per tempo e richiedere preventivi.

Otto: sovrastampa ed abbondanza

Nel caso di testo di piccole dimensioni su fondi colorati è consigliabile usare l’opzione della sovrastampa ed abbonanza, disponibile in molte applicazioni.

Nove: risoluzione

La risoluzione dei files bitmap deve essere di 300 dpi per i files grigi o a colori e 720 dpi per i bitmap monocromatici a un bit; tuttavia per grandi formati si consiglia di tenersi anche alla metà di quanto indicato se l’immagine stampata andrà utilizzata a distanze oltre il metro e a un quarto delle indicazioni per distanze superiori ai tre metri; il plotter è in grado di stampare fino a 720 dpi di risoluzione.

Dieci: colore HiFi

Nel caso di documenti a colori in alta fedeltà è consigliabile effettuare delle prove poiché il GAMUT del Plotter (la gamma di colori stampabili) potrebbe differire molto rispetto a quello di altre stampanti e quindi il risultato può non corrispondere ad altre eventuali prove di stampa.

LAVORAZIONI PARTICOLARI:

Si può richiedere il trattamento delle stampe con plastificazione lucida o opaca, plastificazione e adesivizzazione, montaggio su supporto o resa calpestabile delle stampe; inoltre si possono preparare coperture per impalcature cantieri di edifici in costruzione o negozi in allestimento con stampa riportante l’immagine del retrostante come si presenterà dopo i lavori.